Tema Ambientale Ambienti Naturali
News

Rev Gino: Presentazione dell'VIII Rapporto sulla Qualità dell'Ambiente Urbano

VIII Rapporto sulla Qualità dell'Ambiente Urbano

Come rispondono le città italiane alle grandi sfide ambientali del 21esimo secolo? Qual è il livello di resilienza dei centri urbani del nostro paese, intesa come capacità del “sistema urbano” di assorbire e compensare le pressioni antropiche e naturali, nonché di risollevarsi dagli eventi disastrosi e dagli effetti dei cambiamenti climatici? 

L’VIII edizione del Rapporto ISPRA sulla Qualità dell’ambiente urbano, presentato il  2 ottobre a Roma, rappresenta uno strumento di conoscenza e di supporto alle decisioni per le amministrazioni locali, al servizio dei cittadini per una corretta informazione ambientale. Il documento analizza lo stato dell’ambiente in 51 capoluoghi di provincia italiani ed è stato prodotto dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, composto dall’ISPRA e dalle ARPA/APPA. Il Report aggiorna e arricchisce i dati dei principali indicatori ambientali relativi alla qualità della vita nei centri urbani, tra i quali la gestione dell’acqua, il consumo del suolo, l’inquinamento ambientale, la mobilità e i trasporti, il verde pubblico.
Hanno partecipato all’evento, tra gli altri, il Direttore Generale dell’ISPRA Stefano Laporta, il Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Tullio Fanelli, il Direttore Generale di ARPA Puglia Giorgio Assennato.
 
 
02/10/12

presentazioni stati generali 2011

Relazione sullo Stato dell'Ambiente 2010 e interventi dei relatori agli Stati Generali 2011 di ARPA Puglia

Si pubblica la Relazione sullo Stato dell’Ambiente 2010, presentata da ARPA Puglia agli Stati Generali 2011 - VI Conferenza Organizzativa, il 12 dicembre scorso a Lecce.
Sono disponibili i contributi dei relatori intervenuti agli Stati Generali 2011: la lectio magistralis del Rettore dell’Università del Salento Domenico Laforgia, dal titolo “Impatto ambientale della produzione di energia”, la relazione del presidente dell’Organismo esterno di Valutazione ARPA Puglia Luca Marchesi su “Sistemi di misurazione e valutazione della performance nel sistema agenziale ” e l’intervento del Direttore Generale di ARPA Puglia Giorgio Assennato su “Le tematiche ambiente-salute nella governance ambientale”.  Il Direttore Scientifico ARPA Puglia Massimo Blonda ha presentato “Lo stato dell’Agenzia attraverso le sue strutture” e il Direttore Amministrativo Alessandro Rollo ha illustrato “L’amministrazione di ARPA Puglia: stato dell’arte e obiettivi”. Si pubblica inoltre l’intervento di Stefano Laporta, Direttore Generale ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale), su “Il ruolo di ISPRA e delle Agenzie regionali: prospettive del sistema”.

21/12/11

Pescatori "guardiani" del mare, parte il progetto S.E.A.

Pescatori "guardiani" del mare, parte il progetto S.E.A.
 

I pescatori come sentinelle pronte a segnalare situazioni di allarme che possano mettere a rischio il mare. E' la finalità del progetto S.E.A.

I pescatori come sentinelle pronte a segnalare situazioni di allarme che possano mettere a rischio il mare. E' la finalità del progetto S.E.A. (Segnalazione Eventi Anomali nell'ambiente marino) presentato questa mattina, venerdì 1° febbraio, nel corso di un workshop che si è tenuto presso la Direzione Generale di Arpa Puglia. A siglare il progetto, immediatamente operativo, sono stati il Direttore Generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato e il presidente nazionale della Lega Pesca Ettore Ianì. L'iniziativa dell'Agenzia regionale per la protezione e la prevenzione dell'ambiente, in collaborazione con Lega Pesca, gli Assessorati regionali all'Ambiente e alle Risorse agroalimentari e la collaborazione delle Capitanerie di Porto, è rivolta alla categoria dei pescatori operanti su tutto il territorio regionale, che saranno coinvolti direttamente. Il dettaglio del progetto è stato illustrato dai tecnici di Arpa e della cooperativa Coispa. Il compito dei pescatori partirà da subito e, quali fruitori primari delle risorse marine, vestiranno i panni di "guardiani del mare" e sentinelle di qualsiasi evento anomalo che possa verificarsi nelle acque. Gli eventuali fenomeni di inquinamento verranno segnalati dai pescatori attraverso la compilazione di semplici schede preparate ad hoc. In questo modo gli operatori della pesca potranno, con un minimo impegno, contribuire al monitoraggio di allarme in ambiente marino facilitando il ruolo delle istituzioni tecnico-scientifiche. Il protocollo è della durata di 1 anno e, alla scadenza, le parti potranno decidere di rinnovarlo.

01/02/08

Progetto biodiversità in ambito urbano

Progetto biodiversità in ambito urbano
 

Studio sulla biodiversità in ambito urbano. E' il progetto che Arpa Toscana e Lipu/BirdLife stanno realizzando dopo aver sottoscritto, lo scorso

Studio sulla biodiversità in ambito urbano. E' il progetto che Arpa Toscana e Lipu/BirdLife stanno realizzando dopo aver sottoscritto, lo scorso giugno, una convenzione. L'iniziativa si inserisce a sua volta in un'attività promossa da Apat-Servizio Carta della Natura e reti Ecologiche del Dipartimento Difesa della Natura. Il progetto ha tra le sue finalità: la ricognizione delle conoscenze relative alla biodiversità urbana in Italia, con particolare attenzione per gli aspetti ornitologici e faunistici; l'evidenziazione delle carenze conoscitive; la definizione di linee-guida per la realizzazione delle ricerche sulla biodiversità urbana che assumono l'avifauna quale indicatrice di qualità urbana. Per completare il quadro conoscitivo, il progetto consta anche di una scheda che alleghiamo. Si invitano, quindi, le associazioni e in genere i vari soggetti istituzionali a compilare la scheda e inviarla al seguente indirizzo di Arpa Toscana: a.chesi@arpat.toscana.it

05/09/07
Showing 1 - 4 of 6 results.
Pagina di 2