Tema Ambientale Aria
News

Aggiornamento del sistema modellistico previsionale della QA sulla regione Puglia

Aggiornamento del sistema modellistico previsionale della QA sulla regione Puglia

 

A partire da oggi, le previsioni ad 1km per il PM10 sull'area di Taranto terranno conto anche delle previsioni prodotte sulla stessa area dal modello lagrangiano a particelle SPRAY, relativamente all'impatto prodotto dall'erosione eolica dei parchi minerari.

 

03/10/16

Ordinanza CdS PQA Torchiarolo

Sospesa la Sentenza del TAR Lecce sul Piano della Qualità dell'Aria del Comune di Torchiarolo (BR)

ARPA Puglia comunica che il Consiglio di Stato con ordinanza n. 3235  del 17 luglio 2015 ha sospeso la sentenza del TAR Lecce n. 623/2015 inerente il Piano della Qualità dell'Aria del Comune di Torchiarolo (BR) consentendo alle Amministrazioni preposte l'attuazione del Piano medesimo e delle misure in esso contenute finalizzate al risanamento della qualità dell'aria e alla tutela della salute dei cittadini di Torchiarolo.

Scarica QUI l'Ordinanza del Consiglio di Stato

17/07/15

linee guida emissioni depuratori

Pubblicate le Linee Guida di ARPA Puglia sulle emissioni in atmosfera degli impianti di depurazione

Si comunica che il Direttore generale, Prof. Giorgio Assennato, ha approvato con Deliberazione n. 46/2015 le “Linee guida per il rilascio di pareri riguardanti le emissioni in atmosfera prodotte dagli impianti di depurazione”.

Tali Linee Guida saranno strumento di riferimento per la redazione dei pareri riguardanti le procedure di autorizzazione degli impianti di depurazione relativamente alla matrice aria.

 

04/02/15

rapporto agenzia europea

Nuovo rapporto dell'Agenzia Europea per l'Ambiente: i costi economici dei principali impianti industriali delle aree di Taranto e Brindisi

Nei giorni scorsi è stato diffuso l’aggiornamento del rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente sui costi economici degli effetti sanitari associati alle emissioni industriali. Nel rapporto sono indicati i costi economici di 600 impianti industriali presenti in Europa. Per la Puglia sono comprese le principali industrie inquinanti delle aree di Taranto e Brindisi (in testa ILVA ed ENEL di Cerano) e la COLACEM di Galatina.

Mentre il primo rapporto si riferiva al solo 2009, l’aggiornamento abbraccia un arco temporale più ampio, dal 2008 al 2012. Confrontando i due rapporti (vedi tabella), si nota un peggioramento della situazione dell’ILVA, passata dal 52esimo al 29esimo posto della graduatoria europea ed un relativo arretramento per l'ENEL di Cerano, passata dal 18esimo al 33esimo posto. Ai fini di una migliore comprensione dei costi, occorre considerare che il rapporto sul 2009 conteneva tutte le informazioni a partire dalle emissione degli specifici inquinanti. In particolare era contenuta la stima dei costi prodotti dalle emissioni di CO2 (impattanti a livello globale, ma non locale), mentre nel rapporto sul quinquennio 2008-2014 non è possibile considerare specificamente i costi economici degli impatti sanitari locali. Ne deriva che gli impianti ad alta emissione di CO2 (come ad esempio le megacentrali a carbone) risentono di tale criterio valutativo.

 

27/11/14

presentazioni incontro pubblico 24 settembre

Incontro pubblico del 24 settembre a Brindisi: disponibili le presentazioni degli interventi

Sono disponibili le presentazioni degli interventi della Dott.ssa Nocioni e del Dott. Giua all'incontro pubblico tenutosi presso la sala conferenze del DAP Brindisi lo scorso 24 settembre:
 
 
06/10/14
Showing 1 - 5 of 141 results.
Pagina di 29